Infissi a risparmio energetico: le cose che non ti dicono

[fa icon="calendar"] 19-lug-2017 12.45.00 / da Gerard Costes

Gerard Costes

Infissi a risparmio energetico le cose che non ti dicono.png

Hai bisogno di nuovi infissi e vuoi risparmiare?

Non sei l’unico che sta pensando di sostituire gli infissi della propria abitazione. Molti addirittura decidono di avventurarsi in una ristrutturazione completa dell’edificio, ma si ritrovano ad aver a che fare con scartoffie, documenti e burocrazia. Per non parlare dei mutui per pagare i lavori.

Molte volte questo diventa un problema perché distoglie l’attenzione delle persone dal loro reale obiettivo, cioè fare un buon investimento a lungo termine (il mutuo medio in Italia si aggira sui 24.5 anni).

All’inizio si pensa a trovare una soluzione che risolva tutte le richieste della famiglia (da quello che ci riportano i nostri installatori, soprattutto della moglie!) e che permetta in futuro di avere infissi che durino nel tempo sia nel materiale che nel design, poi ci sono così tante cose da tenere in considerazione che si finisce con il fidarsi dei venditori, cercare compromessi che non rispettano tutte le esigenze iniziali e acquistare qualcosa che magari non soddisfa appieno le richieste iniziali.

Ecco le cose che dovresti sapere da subito per non farti fregare.

 

1.Il materiale

È la cosa più importante. I materiali tipici sono legno, alluminio o PVC. Nonostante molti venditori in Italia ti proporranno il legno (causa soprattutto la tradizione italiana, dura a morire) il materiale migliore come prestazioni è il PVC. Infatti il rapporto qualità prezzo è nettamente migliore. Il costo è minore e la durata è maggiore (non richiede ad esempio manutenzione periodica), senza contare che è un ottimo materiale per infissi a risparmio energetico.

 

2.I vetri

Non ti conviene investire troppo nello spessore dei vetri: in Italia (a meno che tu non viva in alta montagna) bastano doppi vetri, non tripli.

 

3.Il made in Italy

Molte delle finestre rivendute in Italia sono prodotte all’estero, solitamente in Cina o in Polonia. Il nostro consiglio di esperti? Scegliere il Made in Italy, per assicurarsi di avere in casa un Buon Serramento Italiano prodotto da aziende operanti in territorio nazionale che puntano alla qualità, a volte migliorando anche la tutela dell’utente finale.

 

4.I tempi di consegna

Attenzione ai tempi di consegna: se hai tempistiche da rispettare, scegli gli infissi con largo anticipo. Dalla data di acquisto alla consegna passano almeno 60 giorni, senza contare il tempo di posa (anche una settimana per una casa singola).

 

5.Resistenza

Il PVC è un materiale estremamente resistente e subisce un trattamento superficiale che garantisce un’elevata durata nel tempo sia per l’estetica che le caratteristiche tecniche, riducendo la necessità di manutenzione. Mentre i primi serramenti in PVC (si parla di oltre 40 anni fa) ingiallivano con il tempo, sono stati fatti passi da gigante e questo difetto è solo un ricordo del passato.

 

Ricapitolando:

Materiale

PVC è il migliore

Vetri

In Italia basta il doppio vetro

Made in Italy

Tempi consegna

Oltre 60 giorni

 

Scopri altri consigli per scegliere i migliori serramenti per la tua casa in questa guida gratuita:

Guida Gratuita Scelta Infissi

Categorie: Finestre

Gerard Costes

Scritto da Gerard Costes

Gerard Costes, laureato, ha iniziato la sua carriera in una multinazionale francese nel campo delle materie plastiche per l’edilizia, il medicale, l’alimentare e l’imballaggio. Da oltre 10 anni lavora nel campo dei serramenti come Direttore Generale della filiale italiana del leader europeo dei profili e sistemi in PVC. La conoscenza sia del processo produttivo dalle materie prime al profilo finito, che delle peculiarità del mercato italiano del serramento, gli consente di offrire ai clienti una gamma basata su sistemi di tecnologia tedesca adattata all’Italia e un servizio pre e post vendita su tutti campi.